BUON 2012: UN ANNO DALL’INIZIO DEL NUOVO CICLO COSMICO MAYA

Il conto alla rovescia dell’ultimo anno solare dei Maya è cominciato. Questo ultimo anno solare riguardante il calendario del “Lungo Computo”, termina il 21 dicembre 2012, secondo la tradizione Maya,  e che annuncia l’inizio di una nuova era per l’umanità, a partire dal 29 Dicembre 2011. “Il Lungo Computo” è una concezione del tempo, ed è come un vicolo cieco. Ogni ciclo della ruota del calendario è una piccola porzione del percorso da generazione in generazione “.

Alle 0000 ora locale (0600 GMT) del Mercoledi 19 Dicembre 2012, comincia a passare il 5128 anno del Quinto Sole  sul calendario solare dell’antica cultura Maya, che a sua volta è iniziato il 13 agosto del 3114, e, secondo prove scientifiche trovate su stele, sfingi e codici Maya, prevede “una nuova era” per l’umanità.
Come spiegato dallo scienziato del Guatemala Ivan Azurdia “, alle ore 00.00 (06.00 GMT) il 21 dicembre 2012, i pianeti del sistema solare saranno posizionati verticalmente nella parte più scura della bocca del serpente piumato (chaimato dai Maya Kukulkan e dagli Aztechi Quetzalcoatl), e in linea con i luoghi sacri del mondo Maya.
Anche se questa data è spesso associata da molti ricercatori del settore, come catastrofica, apocalittica e anche legata quindi alla fine del mondo, i maggiori leader spirituali Maya del Messico e del Guatemala, hanno smentito queste versioni e dando spiegazioni fornite sotto prospettive filosofiche e scientifiche.

 

Il pittogramma apparso qualche anno fa nelle colline splendide del Wiltshire, rappresenta il ritorno di Quetzalcoatl

Cosa accadrà il 21 dicembre 2012?

Azurdia, lo scienziato che negli ultimi anni si è specializzata nello studio del calendario Maya, ha detto che questo fenomeno, secondo la sapienza degli anziani indigeni e le spiegazioni contenute nelle stele e codici della cultura antica, prevedono “un cambiamento del tempo del non tempo “, ovvero un cambiamento che avverrà nella stringa vibrazionale spazio temporale. La Pietra del Sole azteca è un  modulo armonico che segna l’inizio e la fine di un ciclo galattico e che questo comporta un rinnovamento e la fine di tutto ciò che è vecchio, di tutto ciò che è stato ed è passato. Il nostro pianeta è da considerare un pianeta scuola, ma anche una sorta di casa circondariale, dove siamo detenuti a livello fisico, psicologico e soprattutto spirituale.

Il 2012 rappresenta il termine e l’inizio di un ciclo cosmico. “Questo è il quarto cambiamento del quinto ciclo e il ciclo galattico dura 26.000 anni, poi al raggiungimento di tale data sarà raggiunto ‘l’anno platonico’ per l’accuratezza del tempo, all’interno di cicli di misura più grande “.

 

 

 

“I rapidi cambiamenti”

Dal punto di vista filosofico, ha aggiunto Azurda, i Maya parlano di “cambiamenti rapidi” per il mondo e l’umanità, piuttosto che previsioni catastrofiche che hanno a che fare con “l’opportunità di risvegliare la vita sacra».
I Maya, che hanno compiuto progressi significativi in ​​questi campi, nella loro visione del mondo in entrambe le discipline con un punto filosofico di convergenza.
Per celebrare l’inizio dell’ultimo anno del Quinto Sole e l’annuncio della nuova era, ci saranno cerimonie spirituali da parte dei sacerdoti Maya nei luoghi sacri, mentre l’Istituto del Turismo del Guatemala, lancerà un programma di attività che mira a sfruttare il fenomeno per attirare maggiori quantità di turisti per il paese.
Oltre al calendario del “Lungo Computo”, finora il meno studiato dagli specialisti, i Maya avevano anche il “calendario rituale” o sacro, composto da 260 giorni, e il “calendario Ab” di 365 giorni, come il gregoriano della cultura occidentale.Il 21 dicembre 2012 non accadrà nulla, perchè tutto quello che è stato detto, sta già accadendo.

In questo tempo finale dell’ultimo Katum del calendario Maya il Cielo ci mette di fronte ad un bivio: autodistruzione o trasformazione. Ci troviamo per tanto in una specie di “ terra di nessuno”: la vecchia era ci sta abbandonando,e ora si aprirà “la porta” cosmica di un tempo rinnovato.

I Maya non hanno mai profetizzato nulla, ma solo calcolato i cicli galattici. Un Nuovo Ciclo Cosmico arriverà ed una potente energia, che sta già facendo il suo corso, ci potrà fare un salto nella consapevolezza cosmica. Dobbiamo quindi essere pronti, essere centrati con il cuore, si perchè il nostro cuore è identico al cuore galattico, quella farfalla cosmica che i Maya chiamavano Hunab Ku, dove nasce la vita. Vi auguro di passare un inizio 2012 all’insegna di grandi cambiamenti, in positivo…Auguri

Massimo Fratini

 

segnidalcielo.it

 

Annunci

Pubblicato il 5 gennaio 2012 su 21 dicembre 2012. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: