LE ARMI DEGLI DEI Un incredibile tecnologia (parte 2)

Nella prima parte eravamo rimasti ponendoci delle domande sulle famose “Armi degli Dei” le quali miravamo a capire se fossero vere oppure false. Ora attraverso alcuni brani di testi come il Mahabharata vedremo ora alcuni esempi di queste armi:

copertina del Mahabharata

copertina del Mahabharata

“ti darò Pashupata, la mia arma preferita. Non la conosce nessuno, nemmeno il più grande fra gli dei. Devi fare molta attenzione a non utilizzarla male, perche se la utilizzi contro un nemico debole, può distruggere l’intero mondo. Non c’è nessuno che possa sopravvivere a quest’arma. La puoi sparare sia con un arco, sia con l’occhio, sia con la forza della mente” (testo tratto dal Pana Parva, terzo libro del Mahabharata, in cui Arjuna chiese un arma al suo dio Shiva)

“ancora invisibili i Daitya iniziarono a combattere servendosi di illusioni. E anch’io combattei al loro fianco e utilizzai l’energia di armi invisibili… E quando i Daitya scapparono tutto divenne visibile, sulla terra giacevano centinaia di migliaia di morti…diventai insicuro, e Matali notò questo mio stato d’animo. Quando mi vide sconvolto disse <O Arjuna, Arjuna ! Non avere timore. Usa l’arma del lampo di tuono >. Quando percepii queste parole, tolsi la sicura all’arma preferita del re dei celesti” (Mahabharata – sezione CLXXII – Nivata-Kavacha-Yuddha Parva)

“Gli elefanti barrirono e bruciarono, tutti gli uccelli sbiancarono, gli alimenti si avvelenarono, i soldati che non furono colpiti direttamente si gettarono nei ruscelli e nelle acque, perche tutto era ricoperto dall’alito mortale degli dei. Anche i bambini non ancora nati morirono nel ventre delle madri” (testo tratto dal Musala Parva, terzo libro del Mahabharata. In esso Curkha, uno degli dei, lanciò un solo colpo sulle tre città).

“quest’arma suscitò terrore e sbigottimento, allorché Karna la prese dal deposito degli armamenti…gli uccelli nell’aria lanciarono un urlo terribile, si sollevò una violenta tempesta, guizzarono e cui rombarono i tuoni. L’arma colpì con un rumore forte il cuore di Ghatotkacha, lo perforò, e si perse nel cielo notturno costellato da una miriade di stelle” (altro brano del Mahabharata)

“Aswathama scaraventò Narayana, la sua arma più pericolosa, contro le truppe di Pandava. Volò nell’aria e migliaia di dardi uscirono come serpenti sibilanti e colpirono i soldati da tutte le parti. Vasudeva ordinò alle truppe di non continuare a combattere e di gettare le proprie armi, perché sapeva bene che Narayana seguiva un sortilegio. Avrebbe ucciso tutti coloro combattevano o avrebbero voluto combattere , mentre avrebbe risparmiato tutti coloro che avrebbero deposto le armi” (altro brano ancora del Mahabharata)

Passiamo ora all’esame dei brani riportati cercando di carpirne gli aspetti “tecnologici” in essi presenti.
Partiamo dal primo brano procedendo fino al quinto ed estrapoliamo da essi ciò che ci occorre.

immagine di un Vimana: veicolo celeste degli Dei

immagine di un Vimana: veicolo celeste degli Dei

Brano1
• Un arma che se usata contro un nemico debole può distruggere il mondo
• Può essere sparata sia con un arco, sia con l’occhio, sia con la forza della mente
Brano 2
• Combattere servendosi di illusioni
• Armi invisibili
• Alla fine delle illusioni ci sono centinaia di migliaia di morti
Brano 4
• L’arma colpisce al cuore
• Dopo il colpo sparisce nel cielo
Brano 5
• Arma che uccide tutti coloro che combattevano o che avrebbero voluto combattere
• Arma che non uccide tutti coloro che avrebbero deposto le armi

Non emerge moltissimo ma abbiamo già alcune informazioni su queste “armi degli dei” le quali se prendiamo come esempi il brano1 e il brano5 posso essere lanciate in diversi modi (brano1) e hanno un sorta di potere selettivo (brano5)
Altre informazioni, le quali emergono dai brani 2 e 4, riguardano una sorta di mira precisa (brano4) e la capacità di creare illusioni le quali conducono alla morte di migliaia di persone (brano2).
A questo punto soffermiamoci su due dettagli:

• Brano1: Devi fare molta attenzione a non utilizzarla male, perche se la utilizzi contro un nemico debole, può distruggere l’intero mondo
• Brano2: ancora invisibili i Daitya iniziarono a combattere servendosi di illusioni . E quando i Daitya scapparono tutto divenne visibile, sulla terra giacevano centinaia di migliaia di morti

Abbiamo un arma che se utilizzata “contro un nemico debole può distruggere l’intero mondo” e una sorta di “armi invisibili” che creano illusioni le quali hanno come conseguenza un elevatissimo numero di morti. Cerchiamo di vedere in questi elementi i loro aspetti che oggi andremmo a chiamare “tecnologici”.
Armi invisibili che creano illusioni e che allo scomparire di esse abbiamo migliaia di morti. Un illusione non può uccidere a meno che:

• Non siano ologrammi che ingannano il nemico facendo combattere le persone che poi verranno uccise tra di loro.
• Non siano sostanze allucinogene con lo stesso scopo ed identico scopo degli ologrammi

Una spiegazione delle armi usate nel secondo brano potrebbe essere questa. Ma per quanto riguarda l’arma del primo brano ? quale arma usata contro un nemico debole potrebbe distruggere l’intero mondo ? cosa si intende con nemico e mondo ? ed inoltre tendo a sottolineare l’elemento chiave ossia “potrebbe”.
Se per “nemico debole” intendesse lo scarso livello tecnologico del genere umano, il quale non sarebbe stato in grado di contrastare un arma talmente potente da distruggere quest’ultimo, allora ha un senso.
Per il momento escludo che tale arma possa distruggere l’intero globo ma penso che possa distruggere ampli spazi e ciò potrebbe richiamare la nostra attenzione sui casi di “Sodoma e Gomorra” e su “Mohenjo-Daro”. Questi due casi, gli unici fin’ora documentati, sono stati oggetti di ipotetici attacchi nucleari o atomici.
Tornando però alla nostra arma c’è un altro dettaglio:
“sia con un arco, sia con l’occhio, sia con la forza della mente”

Tre modalità diverse di uso dell’arma e ciò complica un bel po’ la questione visto che le tre modalità ci portano a dedurre in linea di massima le dimensioni dell’arma.
Le tre modalità sono:

• Arco
• Occhio
• Mente

Con l’arco mi viene in mente una “freccia” ma se l’arma in questione ha un potenziale distruttivo ad ampio raggio mi risulta un po’ difficile vedere in una freccia una tale cosa.
Le ipotesi a questo punto sono due:

• Un arco e una freccia di enormi dimensioni proporzionate al potenziale distruttivo
• Un arco e una freccia normali ma dotati un potenziale distruttivo enorme (il classico caso in cui l’apparenza inganna)

L’uso della mente potrebbe corrispondere all’uso della telecinesi mentre quello dell’occhio lascia molto a desiderare. Forse all’occhio viene applicato un sensore a sua volta collegato all’arma o qualcosa di simile. Per il momento lasciamo questa ipotesi dato che non dispongo di altri dettagli per ampliare la questione.
Ovviamente ho riportato alcuni esempi sulla questione ma esiste un elevato numero di brani in cui vengono descritti gli usi delle “armi degli dei” e nonostante un primo esame non possiamo dire se i fatti narrati nei brani del Mahabharata siano reali oppure no.
Possiamo solo ipotizzare che se tali brani raccontano qualcosa di vero e reale allora in epoche remote sono realmente esistite armi straordinarie dotate di un potenziale distruttivo impressionante.
Tranquilli che non è tutto qui in quanto questa seconda parte ha avuto come scopo quello di mostrare alcuni dettagli di alcune armi ma con la terza e quarta parte si andrà ancora di più nello specifico in quanto vi sono dei luoghi in cui sono state trovate tracce dell’efficacia distruttiva di queste armi…quindi restate in attesa
Lombardi David – LUMOS e direttore C.I.R.

Fonti
Gli Dei Erano Astronauti – Erich Von Daniken
Guerre Atomiche al tempo degli dei – Zecharia Sitchin
UFO Impatto Cosmico – Alfredo Lissoni

Annunci

Pubblicato il 20 agosto 2014 su paleoastronautica. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: