ALBERTO PEREGO E I SUOI LIBRI: Una conoscenza ufologica quasi completa

Questo articolo più che altro è una sorta di cronologia dei quattro libri scritti dal console Alberto Perego noto anche come “Padre dell’Ufologia Italiana”.

In esso verrà mostrato come i quattro, quasi cinque, libri scritti da Perego hanno dei titoli alquanto indicativi, i quali mostrano come in un epoca dove degli UFO si doveva conoscere pochissimo una persona sapeva più di quanto ci si aspettasse.

Il primo libro dal titolo “Svelato il mistero dei dischi volanti” del 1957. nella copertina sotto il titolo compare anche la scritta “il più grande evento della storia domina la politica mondiale”.

PEREG1957svelatoilmisteropound4531EUR56_zpsfe80277d

È incredibile che come primo libro o meglio come primo titolo al suo libro abbia voluto far capire che aveva capito cosa si nascondesse dietro il fenomeno UFO.

Ovviamente la questione si amplifica con il secondo libro dal titolo “Sono Extraterrestri!” del 1958 ossia un anno dopo. E qui vorrei attirare la vostra attenzione sull’affermazione contenuta nel titolo. Perego afferma che i piloti di tali veicoli sono Extraterrestri.

Da notare il punto esclamativo il quale dimostra una precisa e chiara affermazione sulla natura del fenomeno, nonostante, negli anni seguenti fino ad oggi, ci si chiede ancora se questi veicoli e i loro piloti siano o no di natura extraterrestre.

Perego1958SEcvr

Perego a quanto pare non aveva dubbi al riguardo.

Nel terzo libro, dal titolo “Rapporto Perego sull’aviazione di altri pianeti” oppure “L’aviazione di altri pianeti opera tra noi” del 1963, Perego fa una sorta di rapporto globale sulle sue ricerche ed espone verso la fine del libro alcune conclusioni.

raperego

Riporto la prima di esse e poi un’altra citazione tratta sempre dal rapporto:

prima conclusione nel rapporto:

“Tutti sono uomini: Non mostri. Alcuni possono essere considerati i nostri padri in quanto hanno dato origine alle forme di umanità che sono sulla terra oggi. Questi uomini giunsero in migrazioni estremamente remote, su questi apparecchi: 500.000, 600.000, un milione di anni fa. Da loro derivano le razze attuali che esistono sulla terra.”

Citazione tratta dal rapporto:

“Potremmo giudicare stupidi gli uomini del rinascimento perché non possedevano la luce elettrica, il telefono, l’automobile, l’aeroplano o il televisore? Per lo stesso motivo non possiamo definirci stupidi, perché non possediamo ancora il disco volante. Ma saremmo stupidi veramente, se non volessimo accorgerci oggi che questi apparecchi operano intorno alla terra.”

Come si nota Perego mostra come la realtà stessa dei “Dischi Volanti” non è una realtà ma la “realtà”. Egli inoltre pone ciò a paragone dei tempi passati dove il telefono o l’automobile sarebbero stati considerati qualcosa di fantascientifico.

Guarda caso noi oggi consideriamo il tema UFO come un tema di semplice e pura fantascienza.

Inoltre nella prima conclusione Perego afferma che alla base della genesi del genere umano ci siano esseri provenienti da altri pianeti.

Il quarto libro, dal titolo “Gli extraterrestri sono tornati” del 1970, Perego ha messo in evidenza il fatto che loro non è che devono tornare sulla terra ma sono già tornati.

perego4

Nel rapporto lui parla di esseri che ci hanno creato specificando che sono venuti sulla terra “500.000, 600.000, un milione di anni fa” e con questo titolo vuole dirci che questi esseri sono tornati sulla terra, riferimento molto chiaro al caso Amicizia.

Nel libro in questione, che non ho avuto ancora l’onore di leggere in quanto difficile da trovare, mi è stato riferito da Ivan Ceci, giornalista e fondatore del Progetto Perego, che Perego commenta il primo libro di Erich Von Daniken uno dei primi esponenti dell’archeologia spaziale. Il titolo del libro di Daniken fu “Gli Extraterrestri torneranno” ma Perego ribatte dicendogli che loro sono già tornati.

perego

Qui di base finiscono i libri, in quanto il quinto, che avrebbe dovuto intitolarsi “Dirò Tutto” non venne scritto e divenne una sorta di appendice del quarto libro.

Perego che venne a mancare nel mese di aprile del 1981 non ebbe il tempo di rivelare al mondo tutto quello che sapeva, anche se in una lettera inviata a Gaspare de Lama, protagonista del caso Amicizia, afferma di “aver detto molto”.

Evidentemente Perego sapeva che all’epoca in cui scrisse i suoi libri, quello che aveva divulgato tramite loro era, o meglio sarebbe stato abbastanza per rendere la gente consapevole di tutto.

Eccovi quindi un resoconto cronologico dei libri del console Perego, il quale solo leggendo i titoli si capisce che sapeva molto e forse tutto sulla questione UFO

Lombardi David – LUMOS

 

Alberto Perego il console che svelò il mistero dei dischi volanti – Ivan Ceci

Con tattismi di massa – Stefano Breccia

 

Annunci

Pubblicato il 8 marzo 2014 su Alberto Perego. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: