GESU’ CRISTO: Essere Divino o Ibrido Alieno ? (Parte 3)

Nel gennaio 2013 pubblicai la seconda parte delle mie ricerche sulla natura di Gesù Cristo, mostrando come argomento chiave la presenza di strani oggetti volanti, simili ai moderni UFO, presenti in molti dipinti inerenti la crocifissione del Messia.

In questa terza parte, di sicuro non l’ultima, verranno presi in esami due scenari ipotetici della crocifissione i quali hanno al vertice il fatto che Gesù “potrebbe” essere sopravvissuto all’evento.

Ma in che modo è sopravvissuto ? ci sono due ipotesi per il momento e sono le seguenti :

1.la sopravvivenza è avvenuta in modalità “terrestre” ossia qualcuno, come si evince nel libro “Il Santo Graal”, ha organizzato la finta morte per far fuggire il Messia (il capitolo in questione si intitola “L’inganno della crocifissione”)

2.la sopravvivenza è avvenuta in modalità “extraterrestre” ossia il Messia è stato salvato da esseri di un altro pianeta.

E in questo secondo caso “potremmo” allacciarci alla resurrezione. Ho detto potremmo in quanto tale evento è stato e viene ancora visto da molti con l’occhio della fede:

Ma dietro ciò si nascondesse un fatto puramente tecnlogico ?

Se Gesù Cristo fosse stato riportato in vita o rianimato da un qualche sorta di strumento tecnologico di cui ignoriamo tutto ?

A questo punto tiro in ballo la scena del scena del film “Stargate” dove il presunto alieno che si fa passare per il dio egizio Ra possiede una sorta di sarcofago tecnologico il quale è in grado di guarire ferite gravi se non addirittura ridare la vita.

Visto cosi questo elemento non ci dice nulla ma andiamo ad unirci alcuni interessanti elementi:

1.il dio egizio Ra era conosciuto tra le divinità sumere con il nome di Marduk, figlio primogenito del dio Enki

2.stando alle ricerche di Sitchin, di cui molti dettagli riportati nel testo “Il Libro Perduto del Dio Enki”, nella battagli che avvenne su Nibiru per vari motivi l’Annunaki che ottenne la supremazia sulla terra fu proprio Marduk

3.sempre dalle ricerche di Sitchin si ipotizza che Marduk sia l’ultimo Annunaki sopravvissuto e quindi ciò porterebbe al famoso passaggio dal politeismo al monoteismo.

4.Gli Annunaki dei sumeri sono i corrispondenti elohim della Bibbia

5.sempre secondo Sitchin il carattere ambiguo che Dio mostra nell’antico testamento sia da ricercare in due persone distinte e corrispondenti alle divinità sumere Enki e Enlil

In base a questi elementi, è possibile “ipotizzare”, che se Marduk abbia alla fine di una guerra ottenuto la supremazia sul pianeta terra possa essere lui l’essere “extraterrestre” che oggi noi chiamiamo Dio e che ha in seguito, attraverso motivi ancora ignoti, deciso di avere un figlio che oggi noi conosciamo come Gesù.

Questa ipotesi però ha di per se ha un evidente punto debole in quanto, se diamo retta alla questione delle divinità sumere, e prendiamo in esame le figure di Enki e Marduk notiamo quanto segue:

1.Enki è il padre e Marduk suo figlio primogenito

2.Enki viene identificato come creatore del genere umano (Nella Bibbia visto come Dio unico)

3.Marduk in base ai punti 1 e 2 potrebbe essere Gesù Cristo figlio di Dio

Seguendo questi punti il figlio di Marduk non potrebbe essere il Messia in quanto ques’ultimo viene, secondo una giusta logica, identificato con Marduk stesso.

Ma non dobbiamo tralasciare una frase che Sitchin dice a proposito del nostro amico Marduk:

“dopo essere stato esiliato e aver combattuto varie guerre, ottenne la sua supremazia sulla terra”

A questo punto la questione si complica e prima di procedere passiamo al vaglio gli elementi a favore della prima tesi ossia quella “terrestre” che quelli a favori di quella “extraterrestre” in modo da vedere la validità di tutti e poter fare una prima ipotesi.

D’altro canto questa terza parte mira come nella prima, scritta cinque anni fa, a fare un piccolo punto della situazione con primi elementi accumulati sulla questione.

Iniziamo quindi con la prima tesi, quella terrestre, e vediamo quanti sono gli elementi atti a sostenerla:

1. secondo una tesi Gesù è stato sostituito da un’altra persona. Si ipotizza a un suo gemello o a un sosia. Tale tesi si riallaccia a una visione eretica di Leonardo da Vinci il quale, secondo il Vasari, era convinto che Gesù avesse un fratello gemello e guarda caso a Rennes le Chateau abbiamo in braccio a Maria e Giuseppe due bambini, due Gesù, incredibilmente identici. E guarda caso lo stesso Leonardo nella prima versione della vergine delle rocce dipinge Gesù e Giovanni Battista mostrandoli come due “Gemelli”.

i due Gesù molto uguali in braccio a Giuseppe e Maria nella chiesa di Rennes le Chateau

i due Gesù molto uguali in braccio a Giuseppe e Maria nella chiesa di Rennes le Chateau

2.un indizio lampante si trova nella chiesa di Renns le Chateau. Nell’ultima stazione della via crucis è stato detto che la ferita al costato di Gesù è sbagliata in quanto dovrebbe trovarsi alla destra e non alla sinistra. Cosa vuol dire ciò ? Gesù è stato realmente ferito da un’altra parte ? o l’assenza di ferita sulla parte destra, quella indicataci dalla Bibbia, ci indica che non c’è stata nessuna ferita ? (i codici di Rennes le Chateau sono legati a quelli di Leonardo da Vinci e di Dante Alighieri il cui volto di quest’ultimo, o se non lui uno molto simile, compare come oggetto volante in uno dei dipinti della crocifissione – due facce dantesche ai lati della croce)

viacrucis14

stazione XIV della via crucis di Rennes Le Chateau. In essa si vede la ferita posta sulla parte sinistra.

3.nel libro documentario “Il Santo Graal” di Baigent, Leigh e Lincoln si ipotizza la falsità della crocifissione e la fuga di Gesù Cristo con Maria Maddalena in Francia. I tre autori fanno partire la loro tesi dal mistero di Rennes le Chateau e dell’abate Sauniere. Nel libro si fa cenno a una delle tante lettere ricevute dai tre autori nella quale un tale è convinto che il segreto della chiesa del paese citato e del suo abate risiede nel fatto che “Gesù non morì sulla croce”

Per quanto riguarda le prove di una tesi “extraterrestre” anche qui abbiamo i nostri elementi:

1.svariati dipinti con la presenza di, minimo due, oggetti volanti posti ad entrambi i lati della croce.

2.in un dipinto i due oggetti volanti sono proprio veicoli pilotati da esseri simili ad angeli.

3.alcune frasi dette da Gesù tra cui “io sono di lassù…io non sono di questo mondo” possono avere un significato non terrestre (vedi la prima parte di questo articolo). Infatti “Lassù” può essere visto come “fuori dalla terra” e

“non essere di questo mondo” può essere visto come “non essere di questo pianeta”

Tali frasi si trovano in un brano brani del vangelo secondo Giovanni:

8,23 = Voi siete di quaggiù, io sono di lassù, voi siete di questo mondo, io non sono di questo mondo

4.in un dipinto addirittura si nota Gesù da piccolo e sulla sua testa fanno la loro comparsa, quelle che potremmo definire, tre antenne.

l'immagine è stata estrapolata dal dipinto inerente una delle tante versioni de "l'adorazione dei magi"

l’immagine è stata estrapolata dal dipinto inerente una delle tante versioni de “l’adorazione dei magi”. si notano bene sul capo di Gesù tre oggetti simili ad antenne.

5.in una immagine della resurrezione si vede uno strano oggetto volante, simile ad un UFO di forma campanulare, posizionarsi sopra il sepolcro.

resurrezione ufologica con oggetto simile ad un UFO sopra al sepolcro

resurrezione ufologica con oggetto simile ad un UFO sopra al sepolcro

6.gli ultimi due elementi sono i più duri da mandare giù in quanto pone il vuoto della vita di Gesù nella Bibbia. Tra i 5 e i 12 anni non si sa nulla di lui, per quanto riguarda le versioni ufficiali, ma per quanto riguarda quelle non ufficiali o apocrife si parla di un Gesù dal carattere molto arrogante e vendicativo che fa uso dei suoi “poteri” solo ed esclusivamente per punire tutti coloro che lo contraddicono.

7.la nascita stessa di Gesù è particolare in quanto egli nasce da una donna “vergine” e scientificamente tale termine indica una donna che non ha svolto “l’atto sessuale”. Come tutti sanno solo attraverso ciò si può concepire un figlio a meno che non si effettui un inseminazione artificiale. E se fosse stato cosi ? e se lo spirito santo non fosse altri che un essere non terrestre il quale ha operato su Maria una specie di inseminazione artificiale ?

Nella seconda ipotesi sembrano esserci, ad un occhio poco attento, elementi più inerenti la natura di Gesù che la sua crocifissione ma essi sono stati inseriti volutamente in quanto mirano a dimostrare “l’aiuto ricevuto da esseri non terrestri”. Tale aiuto si ipotizza se il carattere negativo, messo in evidenza dai vangeli apocrifi, fosse vero e fosse stato, in seguito, modificato da esseri non terrestri.

Se, in via ipotetica, si riuscisse a dimostrare una resurrezione a livello tecnologico e se nei dipinti compaiono minimo due oggetti volanti, in un dipinto addirittura con esseri alla guida, è possibile dedurre che il Messia sia stato resuscitato da un qualche strumento tecnologico guidato da altri esseri.

Ovviamente tutti gli elementi della seconda tesi non sono assolutamente prove schiaccianti ma ci forniscono un interessante quadro ipotetico da un lato e dall’altro non dimentichiamo che almeno i dipinti hanno raggiunto un numero considerevole in varie epoche.

Quindi se per un istante scartiamo tutti gli elementi tranne quello dei dipinti la domanda sorge spontanea:

Per quale motivo è stata, per cosi dire, “tramandata” la versione di oggetti volanti, simili ai moderni UFO, sulla scena della crocifissione ? cosa sapevano esattamente gli autori ?

E senza volerlo facendo riferimento a questi autori ci colleghiamo a Dante Alighieri o meglio a quel volto molto somigliante al suo, forse proprio lo stesso Dante, che compare in un dipinto ai due lati della crocifissione.

Ovviamente ci sono altre varianti con i volti nelle forme degli oggetti volanti. Volti che fissano e sorvegliano la crocifissione…volti che forse anche sanno…ma che cosa ?

Ma esaminiamo le varianti elencandole:

1.dischi volanti con volti umani visibili sulla parte basale (come se la base del veicolo possedesse un oblò)

dischi volanti con volti umani visibili sulla parte basale (come se la base del veicolo possedesse un oblò)

dischi volanti con volti umani visibili sulla parte basale (come se la base del veicolo possedesse un oblò)

2.volti a forma di dischi volanti

3.veicoli guidati da angeli ben visibili all’interno

veicoli guidati da angeli ben visibili all’interno

veicoli guidati da angeli ben visibili all’interno

Quindi abbiamo esseri non terrestri, meglio noti come alieni, che per qualche motivo, che attualmente ignoriamo, hanno all’epoca dei fatti sorvegliato la crocifissione, o meglio questo è quello che una lunga e consistente cronologia di dipinti vogliano dirci.

Un elemento ricorrente e curioso è che sono sempre due oggetti a svolgere l’atto di sorveglianza. Perché due e non uno ? perché due e non tre ? inoltre nel dipinto in cui si vedono bene i piloti dei veicoli essi invece che sorvegliare sembrano fare una sorta di manovra sopra la zona dell’evento il che aumenta il mistero.

E la cosa si infittisce ancora di più quando tali volti assumono, con incredibile rassomiglianza, il volto di Dante Alighieri il quale insieme a Leonardo da Vinci non solo è legato al mistero di Rennes le Chateau ma anche all’astronomia sumera con particolare riferimento alla precisa ubicazione del pianeta Nibiru.

A questo punto inizia, anche se molto lentamente, a fare la sua comparsa un quadro totalmente nuovo che riunisce a se una serie di elementi in apparenza non collegabili ma noteremo che non è cosi:

1.Dante Alighieri e la divina commedia

2.l’astronomia del popolo sumero

3.Nibiru pianeta delle divinità sumere

4.Leonardo da Vinci e i suoi codici in alcuni dipinti

5.Gesù Cristo e la sua crocifissione

6.dipinti della crocifissione con Ufo ai lati della croce

7.Dante Alighieri legato alle conoscenze astronomiche sumere

8.Dante o un suo simile che compare nei possibili ufo presenti nei dipinti della crocifissione

9.strani volti e esseri non terrestri a bordo degli Ufo dei dipinti osservano la crocifissione

10.le divinità sumere sono le stesse della Bibbia anche se con nomi diversi

Questi elementi ci mostrano un possibile schema generale il quale merita un esame più approfondito che non tarderà ad arrivare.

La crocifissione è stata seguita da esseri di altri pianeti ?

Dante Alighieri era a conoscenza di dettagli a noi sconosciuti ?

Il legame di quest’ultimo con Leonardo, alla luce dei dettagli riportati nel seguente articolo  “Dante Alighieri e Leonardo da Vinci: custodi della conoscenza degli Annunaki”, ci dimostra che entrambi sapevano qualcosa sul Santo Graal e sull’astronomia sumera il tutto collegato anche alla figura del Messia (qui vanno letti gli altri articoli su da Vinci e Alighieri presenti nel sito che citerò come fonti web).

Quindi i legami iniziano ad aumentare e fanno emergere un nuovo scenario e per quanto riguarda la domanda che ho posto all’inizio dell’articolo ossia:

è più probabile la tesi “terrestre” o la tesi “non terrestre” ?

Gesù è stato resuscitato da una tecnologia aliena oppure è stato sostituito da una sorta di sosia sulla croce ?

I dati che ho, per quanto strano possa sembrare, mostrano un collegamento tra le due strade in quanto la questione Ufologica va con i suoi elementi, tra cui la questione di Dante, a inserirsi in quella Terrestre.

E se ci fosse una via di mezzo ?

Una terza strada che non è venuta in mente a nessuno ? io credo che sia ora di iniziare a cercarla

Lombardi David – LUMOS

FONTI  (servono ad approfondire molti aspetti in modo da rendere più chiaro il quadro della situazione tracciato nell’articolo)

https://lombardimistero.wordpress.com/2011/06/30/gesu%E2%80%99-cristo-essere-divino-o-ibrido-alieno/

https://lombardimistero.wordpress.com/2013/01/28/gesu-cristo-essere-divino-o-ibrido-alieno-parte-2/

https://lombardimistero.wordpress.com/2014/02/26/dante-ufologico-nella-crocifissione-un-incredibile-legame-tra-il-sommo-poeta-e-il-messia/

https://lombardimistero.wordpress.com/2013/12/01/dante-alighieri-e-leonardo-da-vinci-i-custodi-della-conoscenza-degli-annunaki/

https://lombardimistero.wordpress.com/2012/03/15/i-tre-custodi-della-stirpe-reale-un-segreto-trasmesso-nei-secoli/

https://lombardimistero.wordpress.com/2011/04/27/il-doppio-segreto-di-rennes-le-chateau-prima-parte/

https://lombardimistero.wordpress.com/2011/10/20/il-doppio-segreto-di-rennes-le-chateau-seconda-parte/

Annunci

Pubblicato il 2 marzo 2014 su paleoastronautica. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: