IL MISTERO DEL PIANETA NIBIRU: Tra Presente e Passato

Il pianeta Nibiru o Pianeta X è uno dei misteri più oscuri inerenti la civiltà Sumera e con il tempo è divenuto un mistero che si è andato a legare alla nascita della vita sulla terra.

Stando al poema epico Enuma Elish, un antico testo sumero che narra la genesi della vita sulla terra, la terra alle sue origini era il doppio di volume di come noi la conosciamo oggi ma priva di forme di vita le quali si sono andate a formare quando essa, chiamata Tiamat dai sumeri, si scontrò con Nibiru ricevendo la vita.

Tale scontro trasformò la parte frantumata nella fascia di Asteroidi.

Al di là di quanto riporta l’Enuma Elish in una tavola sumera si nota come i sumeri stessi riportino con un’incredibile precisione la struttura del sistema solare.

4

la nota tavola sumera dove in alto verso sinistra si può ben notare il sistema solare descritto dai Sumeri

3

ingrandimento con relativi dettagli del sistema solare presente nella tavola sumera. In alto si nota il sistema solare descritto dai Sumeri e in basso il sistema solare come lo conosciamo noi. la somiglianza è impressionante.

Gli studi effettuati da Zecharia Sitchin, noto sumerologo e traduttore della scrittura cuneiforme, hanno messo in evidenza la presenza di Nibiru nel nostro sistema solare.

Ovviamente non è tutto qui.

È vero che Sitchin ha svolto i primi studi su Nibiru ma i suoi studi si sono basati sulle tavole e sigilli sumeri ma dieci anni prima un console italiano che venne poi definito il Pioniere o Padre dell’Ufologia Italiana ossia il console Alberto Perego fece una scoperta simile.

Nel suo terzo libro, scritto nel 1963 ossia dieci anni prima del primo libro di Sitchin, dal titolo Progetto Perego: l’aviazione di altri pianeti opera tra noi egli fa un breve ma sostanzioso cenno ad un ipotetico pianeta X spiegando come l’evoluzione su un pianeta, come il nostro ad esempio sia avvenuta nello scontro tra i due e tale fatto viene ben narrato nel poema dell’Enuma Elish.

Riporto qui le parole di Perego:

“Vi possono essere Pianeti che hanno subito urti con meteoriti; oppure che sono passati troppo vicini a comete; oppure che hanno subito l’urto di propri satelliti (Lune) caduti sul pianeta stesso. Ogni pianeta pertanto ha una diversa maturazione (per cosi dire) e può trovarsi in un diverso stato di sviluppo (o di regresso) rispetto ad altri” – Alberto Perego

Quindi anche partendo da elementi diversi un’altra figura della ricerca aveva ipotizzato la nascita della vita sulla terra per opera di un altro pianeta e guarda caso non gli da un nome ma lo identifica con lo stesso nickname con cui la scienza lo identifica oggi:

Il Pianeta X

Tornando alle ricerche su Nibiru stesso e andando oltre Sitchin e Perego ci spostiamo molto più avanti, nel 2005, andando a prendere in esame le ricerche di un altro esperto di nome Andy Lloyd autore del libro Dark Star: The Planet X evidence (Stella Nera: l’evidenza del pianeta X)

DS

La teoria di Lloyd propone che una nana bruna, chiamata da lui Dark Star, è una sorta di stella compagna al nostro sole ed esiste negli angoli più remoti del sistema solare tra la fascia di Kuiper e la Nube di Oort. Egli ha stimato che è a circa 500 a 1.000 unità astronomiche di distanza (il nostro Sole è di 1 unità astronomica di distanza dalla Terra).

6

il sistema solare visto dalle ricerche di Andy Lloyd con la Dark Star in fondo a destra

7

in questo schema possiamo notare come, secondo Andy Lloyd, la Dark Star ruoti attorno al sole ed a sua volta Nibiru ruoti attorno alla Dark Star. inoltre notiamo che tutto questo sistema binario sia circondato dalla Nube di Oort

La stella oscura potrebbe avere enormi campi magnetici e gravitazionali, che interagiscono con il sole, e le recenti anomalie riscontrate nel sistema solare esterno, potrebbe essere la prova della sua presenza.
Inoltre, la nana bruna può avere messo in orbita dalle sue lune proprie, alcune delle quali potrebbero contenere vita.

Una di queste lune potrebbe essere il pianeta descritto da Zecharia Sitchin, ossia Nibiru il pianeta natale degli Annunaki.

In un sito inerente le ricerche di Andy Lloyd ci sono riferimenti al fatto che la Nane Brune non solo possono avere pianeti che gli orbitano attorno ma possono anche andare a creare dei sistemi binari come lo stesso Lloyd ha ipotizzato per il sistema solare.

Datosi il piccolo bagliore evidenziato attorno le Nane Brune rispetto alle stelle “regolari” fu possibile immaginare del materiale attorno ad esse e la presenza di quel materiale a sua volta indicherebbe la presenza di pianeti attorno alla Nana Bruna stessa.

È stato anche pensato che la massa del materiale orbitante sia pari al 10% della massa della Nana Bruna stessa e quindi sufficiente a sviluppare dei pianeti attorno ad essa.

Per quanto riguarda la struttura del sistema binario, nella quale Lloyd vede il nostro sistema, sono state individuate due Nane Brune la cui distanza è 240 volte la distanza terra-sole.

Tale distanza andrebbe a toccare un orbita sui 3500 anni simile a quella che Nibiru, in base alle ricerche di Sitchin, compie nello svolgere il suo giro intorno alla Terra.

Nibiru compie secondo tali ricerche un orbita di 3600 anni pari ad 1 Shar e quindi come potete vedere non solo le ricerche di Lloyd sono un ulteriore e incredibile sviluppo delle ricerche di Sitchin ma vi sono anche dei dati atti a dimostrarne la loro concretezza.

Quindi partendo da Sitchin, con il suo primo libro scritto nel 1976, arrivando ad Andy Lloyd, con il suo libro scritto nel 2005 notiamo quanti progressi sono stati fatti nella ricerca del famoso Pianeta X ma come ben si sa la verità è ancora molto lontana.

290120121277

Io insieme ad Andy Lloyd al convegno mondiale “Planet X-Nibiru-2012”

Lombardi David – LUMOS

 

FONTI:

Il Pianeta degli Dei – Z. Sitchin

L’altra genesi – Z. Sitchin

Rapporto Perego: l’aviazione di altri pianeti opera tra noi – A. Perego

Dark Star: The Planet X Evidence

http://www.darkstar1.co.uk/ds3it.htm

Annunci

Pubblicato il 25 gennaio 2013 su Misteri dell'Universo. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: