IL 21-12-2012 E I SUOI ASPETTI: Numerico, Simbolico, Contattistico ed Esoterico

La data del 21 dicembre 2012 che per anni è stata collocata ad una distruttiva fine del mondo o ad un terrificante attacco alieno allo scopo della conquista del pianeta terra corrisponde a tutt’altro.

Questa mia relazione cercherà di mostrare l’aspetto Numerico, Simbolico, di contatto ed Esoterico che si cela dietro l’ormai famosa data.

L’aspetto numerico è legato ai numeri cinque e sei.

L’anno 2012 se si sommano i numeri da 5 mentre mese e giorno 21 e 12 danno il numero 6.

Un numero che simboleggia la vita universale, l’individualità umana, la volontà, l’intelligenza, l’ispirazione e la genialità. Il cinque simboleggia l’evoluzione verticale, il movimento progressivo e ascendente. Essendo il numero dell’uomo, come mediano tra terra e cielo indica la possibile trascendenza verso una condizione superiore.

Il sei è un numero mistico e ambivalente nel suo significato, in quanto è il numero dell’equilibrio e dell’ordine perfetto, può ben predisporre all’unione con il divino, ma allo stesso tempo può generare confusione, turbamento e illusione. La sua ambivalenza è rappresentata graficamente dalla stella a sei punte (Sigillo di Salomone) che permette di comprendere la contraddizione insita nel numero sei. La stella a sei punte è formata dall’unione di due triangoli: quello con la punta verso il basso, indica la materialità; quello con la punto verso l’alto, invece la spiritualità.

Molti cerchi nel grano inoltre riportano stelle a cinque o a sei punti come a mostrarci che per raggiungere un stato di condizione superiore dobbiamo prima raggiungere un equilibrio interiore.

Se prendiamo una stella a cinque punte e ne tracciamo delle linee all’interno noteremo che si formano sei spazi di cui il sesto è quello centrale. A questo punto notiamo come al centro ci sia il 6 ossia l’equilibrio da raggiungere per arrivare a uno stato di coscienza superiore indicato dal numero 5 che nel disegno è riportato dalle cinque punte della stella.

il 6 al centro che indica il raggiungimento di uno stato di equilibrio tale da consentirci di raggiungere il 5 ossia uno stato di coscienza superiore.

Quindi abbiamo unito il numerico al simbolico per mostrare non solo che nella data stessa ci sono dei codici numerici ma che i crop circle sono dei messaggi di questi esseri provenienti dallo spazio.

Parlando di messaggi passiamo all’aspetto contattistico dove il sottoscritto ha avuto la fortuna di conoscere gente che ha avuto l’onore di essere stata contatta da questi esseri dello spazio.

Tra le varie persone citerò Trevis Walton, Giovanna Podda e Gaspare de Lama i cui casi di contatto sono importanti per capire cosa si nasconde in questo cambio di coscienza.

Quando chiesi a Giovanna Podda di raccontarmi della sua esperienza di abdotta essa mi disse:

“Cominciamo a dire che non sono cattivi, non sono qui per farci del male e tra non molto le cose cambieranno in positivo. Non pensate che il 2012 sia la fine del mondo ma vi sarà un cambio di coscienza per portare la parola a più persone possibili e lanciare questo messaggio di essere positivi. Più eleviamo questa energia, questo pensiero positivo, più raggruppiamo persone che ci aiutino a portare questo pensiero positivo perché il nuovo millennio raggiunga quella pace che stiamo aspettando e che arrivi in tutte le parti del mondo”

io e Giovanna Podda

Questa sua affermazione coincide con gli aspetti numerici e simbolici del 21 dicembre 2012 in quanto si parla di un cambiamento in positivo e non di cose negative come molti pensano.

Questi casi di contatto che prendono il nome di “abduction” o “rapimenti UFO” sono sempre mal visti e si pensa che questi esseri ci prelevino per chissà quale scopo mostruoso.

Un ulteriore prova viene dal caso di abduction di Trevis Walton il quale quando ebbi l’onore di conoscerlo e gli chiesi cosa gli avesse lasciato la sua esperienza di abdotto mi disse:

“La cosa che mi ha lasciato è di stare sempre bene con la salute da quel momento. potrebbe essere una coincidenza ma non credo. E ha lavorato ininterrottamente da trent’anni senza avere problemi”

io e Trevis Walton

Questa risposta unita al fatto di aver visto sia lui che Giovanna Podda vivi e vegeti a differenza dell’opinione globale che vede negli abdotti gente che dopo essere stata prelevata subisce le peggiori azioni, ipotizzando anche che questi soggetti vengano addirittura “uccisi”, fa capire di come la realtà sia ben diversa da quella che per anni ci è stata mostrata.

In entrambi i casi le conseguenze hanno mostrato elementi positivi come le conoscenze date a Giovanna Podda e i miglioramenti di salute forniti a Trevis Walton.

Passiamo al terzo contatto ossia Gaspare De Lama protagonista del caso di contatto che prende il nome di  “Caso Amicizia” dove la razza aliena in oggetto era una razza di alieni-umanoidi.

Questi esseri hanno sviluppato un rapporto di “pura amicizia” come disse uno di loro, di nome Sigir, nel salutare i terrestri dopo uno dei suoi discorsi e lo stesso Sigir ha ripetuto tre volte in un’altra conversazione il concetto di essere “Uniti”.

Uniti in che senso ?

Riporto qui due degli estratti delle bobine provenienti dal Caso Amicizia:

amici, miei cari amici…in questo momento non posso, vi prego. Ascoltate vi prego. Accontentatevi di sapere che vi amiamo e vi perdoniamo tutte quante le inevitabili debolezze. Siatevi amici veramente amici…e fate il possibile vi prego..,per il nostro mondo…noi siamo qui e contiamo di…aspettiamo con fiducia ma anche con immensa pretese alle continue…ora vi faccio i più cari, caldi e reali saluti di tutti, dico di tutti i w56. Io vi abbraccio commosso più che mai ricordando con la memoria tutti voi cari amici…”

“…voi siate uniti, uniti, uniti e sopportate le vostre debolezze verso i…lottando e migliorando come uomini e come nostri cari amici. Il nostro mondo per voi non è facile capir…stare vicino ai…per comprenderci di più. Un abbraccio di…e di pura amicizia dal vostro Sigir” 

Queste parole rivolte ai terrestri mostrano il grande affetto che questi esseri chiamati da noi “Amici” avevano nei nostri confronti e che hanno fatto il possibile per portarci ad un livello migliore.

Lo stesso concetto è stato espresso da Giovanna Podda e quindi ci troviamo davanti ad esseri che non vogliono il nostro male ma solo il nostro bene anche se l’impresa sarà dura.

e concludo con una frase detta da Gaspare de Lama al ricercatore e giornalista Ivan Ceci quando lo intervistò:

Ho capito che un mondo migliore non è un utopia. perche loro ci sono e sono meravigliosi. perche loro hanno raggiunto un livello che anche noi possiamo raggiungere e che le cose non andranno sempre male”

da destra: io, Gaspare de Lama e Ivan Ceci

L’ultimo aspetto ossia quello esoterico si allaccia alla figura di Dante Alighieri il quale non solo secondo Andy Lloyd, autore del libro “Dark Star: The Planet X Evidence” ma secondo anche Chiara Dainelli autrice del libro “Il Codice Astronomico di Dante”, il Sommo Poeta aveva identificato un secondo sole o una sorta di compagna del sole nel nostro sistema solare.

Partendo dalle ricerche di Lloyd che ha approfondito le ricerche del noto sumerologo Zacharia Sitchin, il pianeta Nibiru ruoterebbe insieme ad altri pianeti attorno ad una Nana Bruna, di nome Dark Star, posizionata ai limiti del sistema solare visino alla nube di Oort.

la struttura del sistema binario

Quindi secondo Andy Lloyd che ho conosciuto e intervistato il nostro sistema solare è binario ossia con due soli o meglio il nostro sole e la sua compagna identificata nella Nana Bruna.

Quando intervistati Chiara Dainelli su tale questione ella mi rispose:

D.L.  Secondo Andy Lloyd ricercatore esperto del famoso Nibiru o Pianeta X descritto nei testi sumeri vi sono elementi, secondo i quali, non solo che il presunto pianeta orbiti attorno ad una Nana Bruna, costituendo quindi un sistema binario nel nostro Sistema Solare, ma sostiene anche che Dante abbia identificato questo sistema binario nei versi 100-105 del canto XXX del Paradiso. Cosa ne pensi ?

C.D.  Durante la mia ricerca presi in considerazione i versi secondo i quali Andy Lloyd vi legge una possibile riferimento a Nibiru, ma  decisi di non inserirli nel mio libro in quanto sono alquanto controversi. Il mio modesto parere interpreta quel passo del Paradiso come un riferimento a Thuban, sistema doppio, presente nella costellazione del Drago. Thuban è una gigante rossa e la sua “compagna” potrebbe essere una nana rossa. Mi riferisco a tale stella a maggiore conferma che l’Alighieri conoscesse la precessione equinoziale in quanto, tra il 3942 a.C. e il 1793 a.C., l’asse terrestre puntava proprio verso tale astro. Inoltre al verso 105 del canto in questione Dante afferma che: “sarebbe al sol troppo larga cintura”. Thuban, come accennato sopra è una gigante rossa, cioè una stella che ha concluso la fusione dell’idrogeno e ha cominciato quella dell’elio, ed è ciò che avverrà per il nostro Sole tra circa 7 miliardi di anni.

da destra: io, Chiara Dainelli e Massimo Bonasorte

Ovviamente non è una grande conferma ma è incredibile come due persone diverse si siano quasi avvicinate allo stesso elemento. In fin dei conti Chiara parla sempre di un “sistema doppio” anche se poi il suo punto di vista si scosta da quello di Lloyd anche lei, in qualche modo, ha scorto quel dettaglio che il Sommo Poeta ha nascosto.

Ci sarebbe un altro dettaglio che potrebbe dare ulteriore conferma ma siccome ci sto ancora lavorando spero di mostrarlo al più presto.

A questo punto continuando con l’aspetto esoterico sappiamo che esiste una consistente possibilità che Nibiru esista realmente e che i suoi abitanti potrebbero tornare veramente da noi come mi ha fatto notare Andy Lloyd quando ebbi modo di intervistarlo:

D.L. Secondo te si avvicinerà nel 2012 Nibiru alla Terra ?

A.L. e probabilmente apparirebbe anche nel cielo di giorno. Credo che il pianeta Nibiru veramente esiste ma che per tantissimo tempo è stato lontanissimo da noi. Ma nonostante questo non vuol dire che gli Annunaki non possono tornare da noi. Ed è possibile che tutti i cicli dei Maya prevedano il loro ritorno.

io e Andy Lloyd 

Quindi anche Lloyd ipotizza che il calendario Maya e la sua famosa data coincida con il ritorno degli Annunaki ma va esaminato un certo dettaglio in quanto Lloyd parla degli abitanti del pianeta e non del pianeta stesso quindi esiste la possibilità che nel 21 dicembre 2012 possano tornare solo gli Annunaki e non il pianeta.

A ciò andiamo a unire, anche se ne ho parlato in altri miei articoli, che questi annunaki non sono solo le stesse divinità degli egiziani, dei Maya, dei testi biblici, ecc… ma sono la famiglia di esseri più evoluti di noi che hanno dato origine alla nostra vita.

Guarda caso lo stesso console Alberto Perego partendo da punti diversi da quelli di Zacharia Sitchin, le cui ricerche sono state portate avanti da Andy Lloyd, ha detto quanto segue:

“tutti sono uomini: non mostri. Alcuni posso essere considerati i nostri padri in quanto hanno dato origine alle forme di umanità che sono sulla terra oggi. Questi uomini giunsero in migrazioni estremamente remote, su questi apparecchi: 500.000, 600.000, un milione di anni fa. Da loro derivano le razze attuali che esistono sulla terra”

Stessa tesi di Sitchin il quale ipotizzava la nascita del genere umano ad opera degli Annunaki i quali hanno in un certo senso accelerato l’evoluzione di vita sulla terra.

Nell’Enuma Elish tra l’altro si evince come la vita sulla terra fosse dovuta allo scontro con Nibiru moltissimi ma moltissimi secoli fa e anche qui Perego partendo sempre da punti di vista diversi, specialmente dal Caso Amicizia dove è stato in parte coinvolto ecco cosa dice:

“Vi possono essere Pianeti che hanno subito urti con meteoriti; oppure che sono passati troppo vicini a comete; oppure che hanno subito l’urto di propri satelliti (Lune) caduti sul pianeta stesso. Ogni pianeta pertanto ha una diversa maturazione (per cosi dire) e può trovarsi in un diverso stato di sviluppo (o di regresso) rispetto ad altri”

Quindi tutto si collega come ha dimostrare che c’è del vero nella nostra genesi da parte di questi esseri com’è anche vero che loro non ci hanno mai abbandonati ma che in un futuro non molto lontano riprenderanno un contatto più diretto con noi.

Quindi in conclusione cosa accadrà il 21 dicembre 2012 ?

La distruzione della terra ?

Un invasione aliena con scopi malvagi ?

Oppure un contatto con degli esseri più evoluti di noi che ci hanno, in epoche molto remote, donato la vita e che stanno cercando di riprendere un contatto globale per evitare la nostra autodistruzione ?

Secondo me la terza strada è quella giusta in quanto se l’uomo non si sbriga a capire i suoi errori sarà lui stesso il fautore della fine del mondo.

 

Lombardi David – LUMOS

 

Fonti:

Andy Lloyd – Dark Star: The Planet X Evidence

Chiara Danielli – Il Codice Astronomico di Dante

Trevis Walton – Fire in The Sky

Ivan Ceci – Alberto Perego il console che svelò il mistero dei dischi volanti

Alberto Perego – l’aviazione di Altri Pianeti Opera tra Noi

 

 

Annunci

Pubblicato il 15 novembre 2012 su Il Pianeta Sconosciuto. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: