L’ENIGMA DEL SERPENTE ROSSO Tra Rennes le Chateau e Archeologia Spaziale (PARTE I)

Che legame c’è tra la figura del serpente, l’enigma di Rennes le Chateau e la disciplina dell’archeologia spaziale ?

Le prime tracce le trovai per puro caso mentre studiavo il legame tra la civiltà sumera e quella maya.

Tale legame era dovuto, tra le varie cose, ad alcune divinità che secondo gli studi di Zecharia Sitchin erano le stesse ma con nomi diversi.

L’esempio calzante che attirò la mia attenzione fu quello del dio sumero Ningishzidda esperto di varie scienze e avente come simbolo due serpenti incrociati e Qetzacoatl il dio maya meglio noto come “Serpente Piumato”.

Quetzalcoatl - Il serpente piumato

Il legame visto cosi non offriva molte prospettive ma se come non solo lo stesso Sitchin ma altri validi ricercatori hanno mostrato che le divinità maya, sumere, gli Elohim dell’antico testamento e persino le divinità egizie sono in realtà la stessa cosa la questione cambia.

Le ricerche stesse hanno portato a vedere nel termine biblico “Elohim” un termine plurale e non singolare quindi una stirpe di dei che ha dato vita all’evoluzione del genere umano.

Questi Elohim però non compaiono solo nell’antico testamento ma in altre culture con i nomi di Annunaki per i Sumeri e Neteru per gli Egiziani e le similitudini sono moltissime.

Mi permetto qui di riportare un piccolo cenno:

 

Ziusudra (Sumeri) / Noè (Ebrei)

Marduk (Sumeri) / Ra (Egiziani)

Asar (Sumeri) / Osiride (Egiziani)

Enki (Sumeri)/ Path (Egiziani)

Satu, figlio di Marduk (Sumeri) / Seth (Egiziani)

Tirhu (Sumeri) / Terah, padre di Abramo (Ebrei)

Quetzalcoatl (Maya)/ Ningishzida (sumeri)

Viracocha (Inca)/ Ishkur (Sumeri)

Ningishzida (Sumeri)/ Thoth (Egiziani)

Ka-in (Sumeri)/ Caino (Bibbia)

Abel (Sumeri)/ Abele (Bibbia)

Adapa (Sumeri)/ Adamo (Bibbia)

 

Oltre alle divinità compaiono altri nomi molto noti a chi conosce la Bibbia e quindi ecco cosa intendevo quando dicevo che vi è un legame tra le varie civiltà.

Ma passiamo alla Bibbia o meglio alla genesi in essa narrata quando ci troviamo nell’episodio di Adamo, Eva e della mela dove ecco che compare la figura del Serpente.

Una casualità ?

Potrebbe darsi ma poi quando subentriamo in altri episodi, presenti nel nuovo testamento o meglio quegli episodi non approvati dalla chiesa inerenti il presunto matrimonio tra Gesù e la Maddalena ecco comparire indirettamente la figura del Serpente.

Dove ?

Tutti ormai, chi più e chi meno, conoscono il mistero di Rennes le Chateau e tutti sanno che attorno ad esso ruota non solo il mistero della Maddalena, di Gesù Cristo e del Santo Graal ma c’è un altro dettaglio di rilevante importanza ossia un libricino, di stile esoterico, che parla della chiesa attraverso tredici versi ognuno per ogni segno dello zodiaco.

Questo libricino è “Il Serpente Rosso” nel quale è presente il tredicesimo segno dello zodiaco ossia L’ofiuco o Serpentario.

Copertina de Le-serpent-rouge

E quindi come potete notare il serpente è presente in vari aspetti essenziali di varie culture.

Coincidenza ? non penso che lo sia.

Passiamo ora ad esaminare una frase particolare del serpente rosso inerente il segno del Cancro:

Non era stato Ercole con la potenza magica, come decifrare i misteriosi simboli impressi dagli osservatori del passato

Si parla di misteriosi simboli impressi dagli osservatori del passato e la cosa interessante è che quando parla di simboli impressi la frase non è al passato a differenza degli osservatori quindi è possibile dedurre che abbiamo a che fare con simboli impressi da qualcuno che ha vissuto in epoche remote.

Ma chi ?

E comunque ci sono altre due parole che ci forniscono indizi utili ossia “osservatori” e “impressi”.

In fin dei conti il testo è stato scritto nel 1966 e a quell’epoca la maggior parte delle parole avevano un significato ben preciso e quindi la parola stessa “impressi” voleva dire che dei simboli erano stati impressi e quindi non disegnati oppure indicati.

Ed ora passiamo al secondo termine ossia “osservatori” e aggiungiamo anche “del passato”. Chi sono costoro ?

Ovviamente dati i legami tra le varie civiltà e le loro religioni è possibile ipotizzare che questi osservatori possano essere le famose divinità che secondo gli antichi testi e le moderne ricerche fatte in relazione ai famosi cerchi nel grano dal passato continuano ad osservarci e imprimono in alcuni punti del suolo terrestre dei simboli che vanno decifrati come ci fanno giustamente notare chi ha scritto il serpente rosso.

Molti obbietteranno che è solo un ipotesi ma se facciamo un piccolo sforzo capiremo che non è una semplice e banale ipotesi.

Prendiamo in analisi i seguenti punti:

1 si parla di simboli impressi quindi simboli possibilmente incisi da qualche parte (si specifica il concetto simbolo e non disegno o immagine)

2 si parla di osservatori del passato quindi esseri che in passato potevano benissimo osservarci

3 i cerchi nel grano riportano simboli di antiche civiltà

4 i simboli dei cerchi sono spesso legati a civiltà maya, egiziane e in alcuni casi presentano simboli cristiani

5 i simboli sono stati impressi secondo alcune fonti a partire dall’810 d.C.

6 secondo le ricerche fatte nel corso degli ultimi ottant’anni le divinità delle varie culture (maya, sumeri, egiziani, ecc..) erano sempre le stesse

7 queste divinità secondo la questione del calendario maya e secondo anche alcune traduzioni dei testi sumeri sono andate via dalla terra e torneranno in un periodo che molti identificano nel 2012.

8 queste divinità sono andate via (scomparse o tornate al loro pianeta d’origine), grosso modo, all’inizio di quel periodo che in termini cronologici viene chiamato anno zero e poi si inizia a datare il tutto con d.C.

9 queste divinità o esseri più evoluti continuano a seguirci a ci inviano dei segnali che dobbiamo decodificare

 

Unendo questi punti è possibile ipotizzare che i simboli impressi di cui parla il serpente rosso siano possibili cerchi e non necessariamente nel grano in quanto sappiamo che esistono casi di cerchi anche nella sabbia, nel ghiaccio e in altre parti. Possiamo quindi ipotizzare che tali simboli siano stati fatti da quegli esseri che in passato ci sorvegliavano in modo costante e che ora hanno ridotto l’osservazione limitandosi a mandarci dei simboli da decifrare.

Ovviamente non è tutto in quanto come ho detto il termine “Elohim” è plurale e quindi il genere umano è stato creato non da un Dio Unico come abbiamo creduto per anni ma da una famiglia di divinità e quindi esiste la possibilità che lo stesso Gesù sia, come minimo, un discendente di questa famiglia.

Affermazione pesante lo so ma dobbiamo considerare altri punti per notare che nonostante la pesantezza un filo logico c’è:

 

1 la madre di Gesù era la vergine Maria

2 Il termine Vergine per una donna esclude l’atto sessuale

3 si dice che venne messa incinta per opera dello spirito santo

4 supponiamo, dalle ultime ricerche, che tutti gli esseri spirituali in cui si parla nella Bibbia siano esseri corporei provenienti da altri pianeti

5 se una donna Vergine (che non ha praticato l’atto sessuale) da alla luce un bambino lo può fare, per esempio, tramite inseminazione artificiale come sostengono molti altri ricercatori.

6 il dio del nuovo testamento (dove si parla di Gesù) è senza dubbio lo stesso dell’antico testamento quindi in entrambe le parti abbiamo a che fare non con un solo dio ma con una stirpe di dei meglio noti con il nome di Elohim.

7 gli Heloim biblici sono gli Annunaki sumeri e i Neturi egiziani.

8 questa stirpe, negli Annunaki i dettagli sono maggiori, si è sviluppata molto fino all’anno zero ossia prima della nascita di Gesù.

Unendo questi punti è impossibile negare almeno l’ipotesi che lo stesso Gesù sia discendente di questa stirpe di esseri divini o più evoluti di noi. Quindi un potenziale semi-dio o semi-annunaki o semi-neteru se cosi lo possiamo chiamare.

Guarda caso sempre nel testo del serpente rosso nel segno del leone si fa cenno al nome di ISIDE e stando alla genealogia degli Annunaki era la sposa di Osiride uno dei figlii di Marduk e quest’ultimo era il fratello di Ningishzidda il cui simbolo, come ho detto prima, sono due serpenti e la cui figura nella cultura Maya era conosciuta con il nome di Quetzacoatl il “Serpente Piumato”.

Semplici coincidenze oppure si tratta di un incredibile disegno il quale emerge lentamente davanti ai nostri occhi ?

Presto lo sapremo…

PS: molti sostengono che il testo del serpente rosso potrebbe essere pura invenzione per confondere le acque sulla verità ma da come è stato scritto e per cosa vi è scritto nutro seri dubbi che possa essere un falso. a breve verrà quindi stilato un articolo su un esame accurato del testo nel quale verrà dimostrato il fondo di verità che vi è nascosto

Lombardi David

 

FONTI:

Non è terrestre – Peter Kolosimo

Il libro perduto del Dio Enki – Zecharia Sitchin

L’enigma di Rennes le Chateau – Giorgio Baietti

Annunci

Pubblicato il 5 marzo 2012 su paleoastronautica. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: